Questo blog é ospite di una piattaforma gestita da Google. Per la gestione dei "cookies" l'utente può far riferimento alle policies del gestore Google.


"Sto diventando un po' troppo critico per potermi illudere ulteriormente di avere qualche talento" - F. Nietzsche


"Musica est exercitium aritmaeticae occultum nescientis se numerari animi“

- G.W. Leibniz


"I pecoroni non vogliono diventare padroni del loro lavoro!" - C.T.


"Tutta la musica è contemporanea."

A MO' DI EDITORIALE.....

In verità, mi vergogno un po' di arrivare un po' tardi nel  mondo dei bloggers.
Dico però subito che non intendo farne un luogo di esibizione di  stati emotivi personali, o la bacheca su cui esporre inutili curiosità o spigolature dalla rete, ma una occasione - spero utile - di riflessione.
Il  fatto è che da tempo sono disorientato (e credo di interpetare il sentimento di molti colleghi musicisti o  semplici appassionati) e desideravo un luogo dove poter discutere senza pregiudizi con tutti coloro che sono interessati, come me, alle relazioni tra Musica, Mercato e Società in questi anni di rapida trasformazione.
Cosa intendo con queste definizioni ?

-MUSICA: preferibilmente, per me che me ne occupo per mestiere, la musica "colta", qualunque sia il significato di quest'ultimo termine (e mi piacerebbe discuterne fin da subito). Di tutte le altre musiche a noi  contemporanee - con ciò  intendendo i mille generi derivati dal rock e dal pop, il jazz, la computer music, l'etnica e così  via  - non me ne intendo molto, le ho frequentate  e le  frequento più sporadicamente; ma ne sono molto curioso, quindi ogni  stimolo al confronto è molto gradito. 
-SOCIETA': nel senso più  ampio. Tutti, non solo i musicisti o i musicofili. Il vasto acquario nel quale nuotiamo, e quindi anche i rapporti con la Politica, perchè i musicisti non vivono sulla luna. La politica  sceglie, seleziona chi  finanziare e chi no, chi sostenere e chi no. La politica c'entra, eccome.
-MERCATOl'insieme dei produttori, interpreti, distributori, docenti, discenti, consumatori di musica. Chi vende, chi compra, e le modalità con cui tutto ciò avviene.

Io vedo i rapporti dialettici tra questi campi come la struttura fondamentalmente economica che regola la vita culturale, fa nascere o morire le diverse espressioni artistiche, e ne influenza - che  esse ne siano  consapevoli o no - gli orientamenti, le tendenze.
Non penso certo di affrontare questi argomenti con rigore e metodo scientifico: non è il mio mestiere e non ne sono capace. Ma è un modo per cercare di orientarmi, di cogliere i segni del mutamento della società attraverso i fenomeni musicali. In un epoca di sempre più veloce e complesso sovrapporsi dei linguaggi, delle forme della comunicazione musicale, non solo nel campo estetico, artistico, didattico, ma anche in quello economico e politico.
Ogni giorno c'è una notizia, un evento che può suscitare una riflessione, una domanda.
Vorrei insomma pormele qui pubblicamente queste domande, e ricevere in cambio magari qualche risposta o occasione di approfondimento. Se utile e interessante, pubblicherò  volentieri  anche contributi  di altri che vorranno  dare una mano.
Forse qualcuno dei "post" potrà dispiacere a qualche addetto ai lavori.
Ma qualsiasi opinione ha diritto di essere pubblicata, se sufficientemente argomentata, e in buona fede.
Cercheremo di trattare ogni argomento con leggerezza Calviniana, e senza alcun limite prestabilito, se non quello della chiara esposizione delle idee, della pertinenza con la tematica del blog, e del rispetto reciproco.
E se possibile, divertendosi. Buona lettura!